Risparmiare l’energia geotermica giacente nel sottosuolo. Le pompe di

Risparmiare sulle bolletta di luce e
gas non rappresenta solo un modo per ridurre le spese, ma vuol dire
anche aiutare l’ambiente e scongiurare uno spreco di risorse che alla
lunga potrebbe distrugge il pianeta. Non è solo una scelta, è un
dovere.

Ma quali sono le regole per risparmiare
sulla bolletta di gas e luce? La risposta è nell’efficienza
energetica, che permette di ridurre i consumi senza abbassare gli
standard di qualità della vita.

We Will Write a Custom Essay Specifically
For You For Only $13.90/page!


order now

Consigli per risparmiare sulla bolletta
del gas

Per quanto riguarda il consumo di gas
una soluzione per risparmiare è rappresentata dalle pompe di calore.

Questi strumenti consentono di usare l’energia rinnovabile che è
dispersa nell’ambiente, oppure di sfruttare l’energia geotermica
giacente nel sottosuolo.

Le pompe di calore usano sia l’energia
elettrica che i combustibili fossili, che sono inquinanti; tuttavia
sfruttano queste fonti di energia in maniera più efficiente rispetto
alle caldaie tradizionali.

Ne esistono di vari tipi: c’è la pompa
di calore con scambio aria aria, è piuttosto economica ma la sua
resa diminuisce quando la temperatura esterna scende sotto i 7 gradi.

Nelle zone dove le temperature sono più rigide, le pompe più
indicate sono quelle con lo scambio aria acqua. L’investimento
iniziale si recupera in meno di dieci anni, perché sono previste
detrazioni fiscali fino al 65%.

Chi invece usa una caldaia tradizionale
può sempre abbinarla ad un impianto solare termico. Le spese si
abbattono del 70% e il costo si attesta intorno ai mille euro per
metro quadro. I pannelli sono particolarmente consigliati perché
sfruttano l’energia pulita del sole e producono acqua calda anche
d’inverno. Sono garantiti per 30 anni e resistono agli urti e alla
grandine.

Sembrerà un dettaglio ininfluente
invece è fondamentale avere in casa infissi che non disperdano il
calore verso l’esterno. Il costo della bolletta tende a crescere,
quando gli infissi sono inadeguati, specialmente se l’appartamento è
provvisto di un’ampia metratura di finestre. La sostituzione degli
infissi non comporta un spesa proibitiva ed è un investimento che ha
un ritorno economico nel lungo periodo. Inoltre sono previste anche
delle agevolazioni fiscali per la loro sostituzione. Si consiglia di
orientarsi sugli infissi in PVC con doppi vetri, non hanno bisogno di
eccessiva manutenzione.

Le valvola termostatiche, obbligatorie
dal gennaio 2017, permettono alle singole abitazioni di essere
autonome per quanto riguarda la regolazione della temperatura in
casa. Il meccanismo è piuttosto semplice: il calore viene dosato e
smistato nelle varie stanze con regolazioni differenti, solitamente
con valori da 0 a 10. Una volta che nella stanza la temperatura ha
raggiunto il livello ottimale, la valvola si chiude e il termosifone
resta escluso dall’impianto.

Viceversa la valvola si riapre se la
temperatura si abbassa, e il termosifone si riattiva. Anche se in
casa non c’è nessuno per qualche giorno, è possibile impostare i
termosifoni al minimo per poi incrementare la temperatura quando si
torna a casa.

Solitamente nel condominio le valvole
vengono abbinate ad un contabilizzatore di calore che calcola con
grande precisione la ripartizione delle spese di riscaldamento di
ogni inquilino. Installare una valvola termostatica costa tra i 50 e
i 100 euro.

È sempre importante controllare la
propria tariffa sulla fornitura di gas metano. Il mercato si è
liberalizzato permettendo a molti operatori di arricchire il bouquet
delle offerte. Oggi i consumatori possono scegliere tra le varie
proposte e trovare il pacchetto più adatto alle loro esigenze,
magari chiedendo un preventivo per valutare le opzioni di risparmio.

È possibile risparmiare fino al 10% sulla bolletta del gas

Consigli per risparmiare sulla bolletta
della luce

Anche per quanto riguarda il risparmio
sulle spese di luce ci sono strategie che se pianificate e messe in
atto consentono di tagliare sostanzialmente il costo della bolletta.

Spesso per distrazione capita di dimenticare una lampada accesa in un
ambiente dove non c’è nessuno.

Non bisogna trascurare un dato
importante: il 12% dell’energia elettrica che una famiglia consuma
deriva dall’uso improprio che si fa dell’impianto di illuminazione.

Per questo è molto intelligente far installare nei vari ambienti dei
timer che prevedono lo spegnimento automatico delle lampadine. Oggi
in commercio è possibile acquistare lampadine fluorescenti a basso
consumo e lampade LED; tuttavia bisogna fare attenzione ad acquistare
marche che permettano un adeguato livello di sicurezza. È sempre
bene non rischiare di acquistare prodotti difettosi o non a norma per
risparmiare pochi euro.

Lo spreco di energia è davvero legato
a distrazione e cattive abitudini consolidate nel tempo. È sempre
bene spegnere del tutto la TV, se non la si sta guardando. Potrebbe
essere utile usare le ciabatte con interruttore luminoso, si arriva a
risparmiare fino al 10% sulla consumo della luce, salvaguardando
anche la vita delle apparecchiature come computer, TV e lettore DVD.

Gli sbalzi di tensione, infatti, causano problemi alle schede di
alimentazione e possono provocare incendi. Le apparecchiature possono
anche essere scollegate manualmente attraverso l’uso delle prese ad
orologio, quelle dotate dei cosiddetti “cavalieri”. Questo
particolare tipo di presa imposta l’orario in cui gli apparecchi si
scollegheranno automaticamente dalla rete.

Un’altra soluzione innovativa è
produrre autonomamente l’energia, dotandosi per esempio di un
impianto fotovoltaico a batterie, ideale per l’autoconsumo.

L’investimento iniziale, piuttosto importante, viene ammortizzato
in circa 10 anni. Anche in questo caso esistono detrazioni fiscali
per incentivare all’utilizzo del fotovoltaico.

Il risparmio comincia dall’acquisto
degli elettrodomestici. Basta fare un po’ di attenzione ai prodotti
da scegliere: i migliori recano sull’etichetta le lettera A oppure B.

Questa indicazione è possibile individuarla sull’etichetta adesiva
colorata presente su tutti gli elettrodomestici; indicano
l’efficienza dell’elettrodomestico. Oltre alla lettera si dovrà fare
attenzione alla striscia colorata. Se è verde significa che
l’efficienza è massima e probabilmente il prodotto sarà più
costoso. Tuttavia permetterà di ottenere un risparmio successivo,
abbattendo gradualmente i costi delle bollette della luce.

Il mercato liberalizzato dell’energia
elettrica, come nel caso del gas, ha ampliato l’offerta per i
consumatori. Si può individuare la tariffazione più adatta alle
esigenze di ciascun nucleo famigliare, anche a seconda delle
abitudini. Se per esempio durante la settimana in casa non c’è
nessuno, la tariffa bi-oraria consentirà di risparmiare energia
elettrica, perché in quel particolare caso i consumi si concentrano
nelle ore serali e nel fine settimana. Basterà dare uno sguardo alle
varie offerte sul mercato per ottenere un risparmio in bolletta.

Altri piccoli consigli, apparentemente
insignificanti ma in realtà molto utili:

attivare la funzione “sleep”
quando si ha l’abitudine di addormentarsi guardando la TV; si
imposta facilmente dal telecomando.

utilizzare la lavatrice a
temperature al di sotto dei 60 gradi; a 40 gradi si lava
efficacemente la maggior parte dei tessuti;
posizionare il frigo lontano dalle
fonti di calore, ossia termosifoni e forno;
prima di usare la lavastoviglie
rimuovere a mano lo sporco, per non rischiare di intasare il filtro,
aumentando di fatto i consumi; una volta terminata questa operazione
un solo un ciclo di lavaggio sarà sufficiente;

i caricabatterie di cellulari e
tablet devono essere scollegati dalla presa di corrente, per evitare
un consumo inutile di energia: seguitano infatti a consumare anche
quando la batteria ha esaurito il ciclo di carica;
i televisori a LED consumano meno
energia di una TV al plasma, così come un laptop consuma circa la
metà dell’energia rispetto al PC.

x

Hi!
I'm Josephine!

Would you like to get a custom essay? How about receiving a customized one?

Check it out